Bi4nco, recensione di Qu4ttro

Al primo concerto di Bianco mi sono trovata vicino ad una coppia. Luci soffuse, il tempo dell’attesa in un locale milanese strapieno.

Erano i tempi di “Guardare per Aria” e per Bianco di chiudere un capitolo e aprire quello che l’avrebbe portato poi in tour con Niccolò Fabi e a scrivere il nuovo album. Tra i due, sui trent’anni, lui era stato visibilmente trascinato lì dalla fidanzata. “Mi dici cosa ti piace così tanto di Bianco?”, “E’ finalmente uno che ti canta le cose come stanno, senza troppi giri di parole”.

Il segreto della bravura di Bianco non è solo questo ma la sua scrittura ha la capacità di costruire grandi immaginari con parole semplici. Lo ha fatto fin dal primo album, così come lo fa in “Quattro”.

Il suo ultimo lavoro è uscito il 19 gennaio per INRI, la casa discografica che è nata per produrre il suo primo disco e che negli ultimi anni ha sdoganato buona parte delle scena musicale torinese. Quello con Bianco è un patto solido nato con “Nostalgina” nel 2011 e che nel mezzo ha visto nascere “Storia del Futuro” nel 2012 .

Due album che è giusto ricordare, se non altro perchè Bianco ha fatto capire fin dall’inizio di avere tutte le carte in regola. “Quattro” ne è la dimostrazione, ancora una volta. Si apre con i due singoli più fruibili dell’album per arrivare a “Organo Amante”, un brano di quasi dieci minuti.

Un percorso chiaro da seguire, si entra nel mood cantando con “30,40,50”, si muove il piedino su “Felice”, per poi farsi strada tra nove tracce che meritano la giusta attenzione. Non perchè complicate, semplicemente perchè più le ascolti e più ne capisci la bellezza. E non è scontato.

In un tempo in cui la musica si assapora un po’ mordi e fuggi, trovarsi tra le mani un album autentico e  che ti inchioda le orecchie non è da poco. Merito anche della Bianco’s band, la squadra che lo accompagna da due anni e che con lui ha vissuto il tour di Niccolò Fabi, esperienza che sembra avergli regalato una nuova consapevolezza. L’influenza del cantautore romano si sente in brani come “Ultimo chilometro” – che regala emozione pura e porta l’ascoltatore nella sua “Torino che è piccola di notte” -,“In un attimo”, “Fiat”.

Gli arrangiamenti sono ben curati e il risultato è un album denso e delicato con un’attitudine che guarda alla generazione dei cantautori di oggi. E poi ci sono le contaminazioni con altri generi, funk e punk per lo più, dove la parte strumentale si prende lo spazio che merita.

I testi sono dei piccoli racconti. Come un’esigenza profonda, Bianco racconta innamoramenti, (“ma la sai una cosa che mi fa impazzire di te, come soffi nei polsi del tuo maglione quando il freddo in provincia fa venire i geloni” canta in Punk Rock con le Ali), inquietudini ( “in un attimo passerà tutto, le crisi servono a pensare”, “In un attimo”), riflessioni (“io lo devo ammettere, non riesco a sopportare chi gioca coi megafoni e dice cose piccole ma non me n’ero accordo che anche l’alba assomiglia al tramonto”, “Ultimo chilometro”), domande ( “ti sei mai chiesto quello che ti piace davvero…condividere paure con chi sa già come non impazzire”, “30,40,50”), dolcezza nella filastrocca scritta sui tetti di Ortigia o in Padre (adesso tocca te spiegare le stelle, ricordare i sentieri e diventare il più grande storico…occupare tutto il cielo, con lo sguardo di chi ha vinto tutto davvero), consapevolezza (“mi guardo un po’ da lontano, in fondo non son così strano”, Organo Amante) . 

Il resto è tutto da ascoltare. Arriverete alla fine del disco con un solletico alle emozioni. Come era successo durante quella serata milanese, quando il fidanzato trentenne, alla fine, il concerto se l’era visto tutto.

A(s)sbrigo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...